Metal-Interface si preoccupa di proteggere la vostra privacy: quando inviate una richiesta o ponete una domanda, i vostri dati personali vengono trasmessi al fornitore interessato o, se necessario, a uno dei suoi responsabili regionali o distributori, che sarà in grado di fornirvi una risposta diretta. Consultate la nostra Informativa sulla privacy per saperne di più su come e perché trattiamo i vostri dati e sui vostri diritti in relazione a tali informazioni. Continuando a navigare nel nostro sito, accettate i nostri termini e condizioni d'uso.

  • Trattamento della superficie LAMIERA 2023 Comunicato

    Muoversi nel futuro dell’industria della lamiera: innovazione, trasformazione e sostenibilità

    Pubblicato su 06/06/23
Nome della società
SPALECK INDUSTRIES de
Inviato da benoit.cantin il Mar 06/06/2023 - 22:50
Contenu
  • In un mondo in rapida evoluzione tecnologica e commerciale, l'industria della lamiera deve affrontare molteplici sfide per mantenere la propria competitività. Questo articolo analizza le sfide principali, tra cui l'evoluzione dei materiali, il miglioramento delle tecnologie di produzione, la comunicazione strategica e l'impegno in pratiche sostenibili, attraverso le parole di Ermanno Delia, Business Development Director di Ricerca Chimica, gruppo specializzato nel trattamento chimico superficiale dei metalli.Ermanno_Delia

    Questo articolo si colloca in una serie realizzata a maggio 2023 a cura di Metal-Interface Italia.
     

  • Lo scouting dei materiali e la “cosmetica dei metalli”

    Come spesso nei settori a forte evoluzione tecnologica e di mercato, anche nell’industria della lamiera sono molteplici le sfide da affrontare per restare competitivi. Entrano in gioco diversi fattori, tra i quali la tipologia di materiali utilizzati, le tecnologie di produzione, le strategie di comunicazione e scelte etiche mirate di sostenibilità.

    Per quanto riguarda i materiali, occorre monitorare costantemente le novità, poiché lo scouting di nuovi materiali consente di prevenire il rischio di esclusione dal mercato. I nuovi materiali nascono per rispondere a requisiti non ancora soddisfatti o per soddisfare gli stessi requisiti, ma in maniera più efficiente, da un punto di vista tecnico o economico. Lo scouting diventa insomma uno strumento di business intelligence, operazione portata avanti dai produttori di metalli, in primis, ma anche da coloro che incorporano quei materiali all'interno della propria produzione – quindi impianti chimici, reattori, ecc. – e che si impegnano a verificare se attraverso processi di trasformazione, che possono essere, come nel nostro caso, superficiali, riescono a garantire un aspetto estetico funzionale, differente e migliore.
     

  • L’arte della trasformazione dei metalli

    Corrosione di una parte in acciaio inossidabileNoi di Ricerca Chimica abbiamo messo a punto il concetto di “cosmetica dei metalli”: così come la cosmetica classica ha lo scopo di renderci esteticamente più presentabili e di idratare e conservare il nostro aspetto estetico, così la cosmetica dei metalli permette di garantire l’aspetto estetico desiderato in termini di finiture e una funzionalità incrementata. Per fare un esempio, per l’acciaio inox può significare incrementarne la resistenza alla corrosione in ambienti critici, a contatto con soluzioni farmaceutiche o alimentari aggressive, in ambienti con temperature alte o basse particolari, in ambito aerospaziale, ecc. In molti settori osserviamo una correlazione diretta tra aspetto e funzionalità. La normativa MOCA, ad esempio, che disciplina le caratteristiche dei materiali a contatto con gli alimenti, ha stabilito, tramite diversi studi, che la cessione di metalli quali l’acciaio inox, cromo e nichel, risulta notevolmente ridotta se questi metalli sono stati sottoposti a una finitura e a un trattamento chimico e elettrochimico di un certo tipo, che ne vanno a modificare le proprietà. Un connettore in acciaio in inox, ad esempio, che viene destinato ad applicazioni aerospaziali, che non cede atomi e metallo quando è sottoposto a escursioni termiche che vanno dai -200° nello spazio ai 400° in fase di lancio, presenta un vantaggio fondamentale in termini di funzionalità. Uno dei nostri compiti è dunque proprio conservare l'efficienza del metallo attraverso una trasformazione dello stesso.
     

  • Tecnologie di produzione per un approccio predittivo

    Consentono di ottenere migliori livelli di efficienza anche le tecnologie di produzione, e segnatamente un maggior controllo dei parametri delle lavorazioni, e la fase di progettazione, che deve poter prevedere il comportamento del metallo in fase di lavorazione e tenerne conto: un accoppiamento di metalli scelto oculatamente può permettere di evitare che si verifichino fenomeni di corrosione galvanica, o ancora, l'esclusione o la limitazione di interstizi tra metalli garantisce che non si crei una crevice corrosion, la corrosione dovuta alla mancanza di interazione del metallo con l'ossigeno. Sono tutti fattori che si possono controllare in fase progettuale, tramite le conoscenze e il know-how che l’azienda deve possedere in materia di scelta della materia prima e della sua composizione.
     

  • Comunicazione strategica e impegno sostenibile

    Altro aspetto da non sottovalutare è la comunicazione, che permette, attraverso riviste specializzate o fiere, di confrontarsi con gli altri, di entrare in contatto con clienti italiani e stranieri, per capire quali siano le loro esigenze, e per raccogliere dati utili per sondare il mercato. Successivamente occorre passare ad una fase di elaborazione, classificazione ed estrapolazione di quelle che sono le macro esigenze. Queste poi andranno a loro volta comunicate attraverso diversi canali, anche i più attuali, da non sottovalutare, come Instagram o LinkedIn, perché oggi siamo tutti consumatori di informazioni, prima ancora che imprenditori.

    Infine, la nostra azienda si impegna costantemente nella promozione di concetti etici e di sostenibilità e sicurezza, puntando su prodotti a basso impatto ambientale e sull’operatore, su sistemi che riducono drasticamente il ricorso ad acque industriali, e sull’integrazione nei processi chimici di impianti che consentano il riutilizzo delle acque generate.
     

    Immagine